giovedì 14 luglio 2011

nuota che ti passa

Ora. Io ho indefiniti anni di agonistica nuotarile alle spalle e di solito galleggio bene, basta che non tocco perchè mi fa senso, che qualcosa potrebbe sempre mangiarmi i piedi. E allora mi poggio le scarpette. Negli anni 90 ero troppo piccola e non le potevo scegliere io. Le sceglieva papà. Ed erano così. Poi ho reagito e mi sono buttata su un modello un pò meno squallor tipo così.
Però oggi ho letto una cosa sul social network più paraculo del mondo e sono rimasta alquanto sconcertata.
Ve la pongo:


1) apri Google Maps
2) digita China come punto di partenza
3) digita Taiwan come punto di destinazione
4) clicca su 'ottieni indicazioni stradali'
5) leggi il punto 48
Io penso che nemmeno con le scarpette, nemmeno con le pinnette, nemmeno sul dorso di uno squalo. No, forse sul dorso di uno squalo si, ma forse ci arrivi morto se non ti stacchi prima. Comunque, se tu ci riesci, non siamo più amici!

3 commenti:

Debora ha detto...

Guarda, per quel che mi riguarda, possiamo tranquillamente continuare ad essere amiche, in quanto io faccio fatica ad affrontare due vasche di piscina senza fare almeno 8 pause fra andata e ritorno....Figurati spararmi 195 km a nuoto per arrivare a Taiwan!!!
Bacissimi mia cara!!!

il cuoco ha detto...

Io ho paura se non tocco... Allora provo a camminare sull'acqua, in caso mi vieni a prendere?
Se uno non sa nuotare allora non potrà mai andare dalla cina a taiwan?

rita ha detto...

Io le scarpette che ti comparava papà ce le ho ancora, sono celesti,prima le teneva papà nel portabagagli della 127,adesso io che ho cambiato 3 auto ma le scarpe le tengo sempre dietro .Mò che ci penso se vado in cina magari a qualcuno possono tornare utili.