sabato 21 marzo 2009

volevo scrivere su una rivista. Ho smesso.

Ho smesso si. Le premesse erano queste:

Regole per commentare gli articoli.
L'immediatezza della pubblicazione dei commenti non utilizza filtri preventivi e pertanto chi invia il proprio messaggio è il reale e l'unico responsabile del contenuto e delle sue sorti.
e che minchia!
Prima di intervenire nel blog è utile sapere che non sono consentiti messaggi:
privi di indirizzo email -
(evvabbuono)
anonimi (cioè senza nome e cognome) ma puoi utilizzare uno pseudonimo -
(grazie eh!)
pubblicitari
con linguaggio offensivo
che contengono turpiloquio
con contenuto razzista o sessista
il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, etc.)
In sostanza, non è consentito uno stragabbasiso di nulla.
Ma io dico, tengono voglia di babbiare? che cosa mai potrei scrivere in una rubrica tanto minacciosa? forse che:
un vaffanculo è indispensabile.
ecco! questo si. Eeeee.
ps. compito a casa. Scrivete sul diario: trovate voi una rubrica nella quale i miei turpiloqui e le mie bestemmie non si sentano inadeguati? grazie. eeee.

2 commenti:

Le Favà ha detto...

Vieni pure da me. La chiave è sempre sotto lo zerbino. Semplice.

Basta che comunque pronunci la parola magica:

Il rutto è vita.


Ah come si apre il mondo. E con apre intendo la sua accezione più nobile ;)

Nicole ha detto...

Quoto...avrei fatto uguale uguale. Non tengo pazienza, con le cretinate in generale!