giovedì 15 gennaio 2009

la cassazione non delude..stupefà(?)

Non pensavo. Non pensavo ma ho dovuto ricredermi. Ho dovuto inserire una nuova categoria per il nostro caro organo giurisdizionale Cassi. La cassazione.
Dopo il via libera al vaffa che non offende, ai rastafariani che si debbono rilassare, al party che ce lo paga enel , e alla parola azzeccagarbugli (questa è bellissima) che imputata a terzi è reato, Cassi ne ha combinata un'altra delle sue.
Con la sentenza 40362 ha deciso che: oltre ai gerani, le piante grasse, e il prezzemolo, sul balcone o in luoghi più consoni, nella tua dolce dimora, ti puoi cotivare pure..udite udite.. la marijuana! yesss! la marijuana avete capito molto bene!
Certo non è che te la fa crescere fino a che diventa stupefacente; infatti, te la puoi tenere nella vasca di casa fino a che non fa i bambini; cioè i semini; cioè fino a quando "il principio attivo" non è attivo; cioè fino a quando non sei pronto sul divano per spararti una bella canna, congratulandoti col tuo bel pollice verde.
A questo pnto la domanda mi viene spontanea.
Fatemi capire: ma uno che si coltiva la canapa nella vasca di casa, secondo voi, che minchia ci vuole fare dopo?

Secondo la cassazione lo scopo è ornamentale. O-R-N-A-M-E-N-T-A-L-E!!!!
Secondo me ... mmmmmmmmmmm!
Cassi però, se continua così, diveta troppo popolare. Allora ho bisogno di convincermi che sia tutta una strategia. Cioè, Cassi te la fa coltivare, ti tiene d'occhio e poi al momento giusto, ti arresta!
Si si. E' certamente così!

1 commento:

Luciano ha detto...

Purtroppo la cassi è un organo gestita da più persone che non la pensano allo stesso modo per questo la giustizia non è affatto uguale per tutti. Ciao